Salta al contenuto

EN

Prenota OraPrenota Ora

La planimetria a Pikes è qualcosa che ha confuso molti ospiti da quando l'hotel è stato aperto nel 1980, molto probabilmente a causa del fatto che quando si trattava di aggiungere nuove stanze e spazi, Tony Pike non ha mai lavorato a un piano, di per sé. Era sempre un caso di necessità - ogni volta che c'era una richiesta per costruire più stanze (praticamente ogni anno in quei primi giorni), Tony si limitava a guardarsi intorno nel parco dell'hotel finché non trovava un'area che sembrava adattarsi al conto in termini di taglia. Rompeva il terreno, poi lo ricostruiva mattone dopo mattone con le sue stesse mani, dando a ogni stanza un nome univoco e numerandole anche in sequenza, indipendentemente da dove si trovassero nella proprietà.

Da allora abbiamo rinumerato gran parte dell '"ordine" da porcellino di Tony per dare un senso a tutto, tuttavia una delle stanze che è riuscita a mantenere la sua numerazione originale è la stanza 10. Tony aveva originariamente soprannominato la piccola suite da giardino Zingaros 1 quando lo costruì da un ex posto auto coperto nel 1983 (ZIngaros 2 era il suo vicino più grande dall'altra parte del sentiero del giardino, Camera 9 - ora conosciuta come la nostra suite Rockett St George). Zingaro si traduce approssimativamente in zingaro: qualcuno che viaggia da un posto all'altro piuttosto che stabilirsi in un luogo. Forse Tony l'ha chiamato così in onore della sua vita un tempo nomade; forse era un cenno ai suoi ospiti in viaggio - in ogni caso, sarebbe stato probabilmente considerato non-PC nella società di oggi, ma poi di nuovo, il nostro Tony non è mai stato davvero uno che si preoccupava delle convenzioni sociali, vero?

Situato in cima al sentiero del giardino, nascosto a sinistra delle enormi doppie porte che si aprono su Plaza Mayor e mimetizzato sotto un baldacchino di bouganville rosa in fiore, è facile non notare la rustica porta di legno che conduce alla stanza 10. C'è qualcosa sulla sua posizione semi-nascosta che ti fa sentire come se fossi in una stanza segreta - e negli anni precedenti, se si deve dire la verità, poiché il suo interno buio, umido e ombroso si stava lentamente sgretolando in rovina, abbiamo iniziato pensandola come la nostra stanza dei sotterranei. E non in un modo fantastico, Game of Thrones.

Mentre il 2018 volgeva al termine, è diventato molto evidente che era giunto il momento per la Room 10 di ottenere il grande restyling che meritava - sebbene negli ultimi 35 anni avesse ovviamente avuto lo strano aggiornamento dell'impianto idraulico e dell'aria condizionata, è ancora decisamente aveva una sensazione degli anni '80 che il nostro direttore creativo Dawn Hindle voleva portare ai giorni nostri. Come per tutte le camere di Pikes che hanno avuto un restyling sotto la guida creativa di Dawn, l'idea era di mantenere l'autenticità del design e dell'arredamento originali di Tony, ma iniettare un tocco moderno, rock and roll e opulenza. Quando si trattava di cercare l'ispirazione, Dawn non aveva bisogno di guardare oltre la piastrellatura originale del bagno della nostra decima suite.

Tony era sempre stato orgoglioso di dire a chiunque lo ascoltasse che aveva costruito lui stesso ogni singolo mattone dell'hotel (potrebbe essere stato incline a esagerare lì), e un altro "fatto" di cui si vantava era il fatto che non ci fossero due bagni a Pikes erano uguali. Ancora una volta, ha dichiarato di aver costruito ognuno a mani nude - mentre la maggior parte dei bagni ha un aspetto decisamente spagnolo (si pensi alle piastrelle blu, bianche e gialle), eppure Tony deve aver costruito la stanza 10 con in mente un'amante femminile come è andato completamente fuori pista e ha progettato uno spazio circondato dal pavimento al soffitto con affascinanti piastrelle rosa muschio. Quello, o forse aveva nostalgia di casa e desiderava ardentemente i famosi ma controversi dolci australiani "bastoncini di muschio"!

Indipendentemente dall'ispirazione di Tony, Dawn aveva trovato la sua. Mentre il soggiorno e la camera da letto avrebbero ricevuto una revisione completa, il bagno - completo della sua vasca super profonda e del caratteristico lavandino dipinto a mano - doveva rimanere, le sue piastrelle rosa diventavano la base per la tavolozza dei colori femminile che avrebbe echeggiato in tutte le stanze . A proposito di piastrelle - tutte le vecchie piastrelle di terracotta scura che avevano dato alle pareti un aspetto leggermente sporco - sono state strappate per far posto a pareti bianche intonacate che avrebbero aperto completamente lo spazio. Anche i soffitti con travi a vista della Sabina hanno ricevuto una mano di vernice bianca e all'improvviso, la nostra ex prigione è apparsa più come una grotta dell'amore chic e spaziosa, senza la necessità di grandi cambiamenti architettonici.

Una volta che gli elementi strutturali fossero stati curati, il vero divertimento - la decorazione - poteva iniziare. Con la carnosa tonalità rosa del bagno nella sua mente, i pensieri di Dawn si sono rivolti alle parti del corpo, che hanno impostato il tema per l'arredamento in tutto lo spazio. Un libro d'arte anatomico è incorniciato e appeso al primo posto quando entri nella stanza, una parte di Da Vinci uomo vitruviano, un'altra parte di giornale medico e con un leggero tocco di industriale HR Giger, il libro è diventato il fulcro di una stanza che presenta anche teste di legno e una foto di un busto vittoriano in una cornice Art Déco vintage con la forma femminile.

Al momento sono in corso piani per creare un'installazione rosa sensuale da attraversare per entrare nella camera da letto - un omaggio alla femminilità e forse un cenno ironico (ehm) alla predilezione originale del costruttore della stanza per le donne - ma questo è un lavoro per il mesi invernali. In questo momento, gli ospiti possono essere soddisfatti di sedersi in stile Venere sulle sensuali poltrone e pouf in velluto rosa a forma di conchiglia nel soggiorno, mentre affondano le dita dei piedi nelle setose pelli di pecora color lavanda sul pavimento. Questi mobili ci sono arrivati ​​grazie a un colpo di fortuna casuale (buono per noi, cattivo per qualcun altro), poiché gli arredi di lusso erano stati originariamente creati per un altro hotel che non vedeva la luce del giorno. I pezzi sono arrivati ​​in un magazzino di seconda mano di lusso a Ibiza il giorno esatto in cui Dawn era fuori a caccia di decorazioni rosa muschio - cosa possiamo dire? La spazzatura di un uomo (mai usata) è il tesoro di un'altra donna.

Attraverso una semplice porta di legno bianco si trova l'intimo boudoir - alcuni ospiti potrebbero pensare che il semplice specchio sul muro sia stato posizionato lì per far sembrare lo spazio più grande; sebbene i più creativi tra di voi possano attingere rapidamente al suo scopo più piacevole quando capirete esattamente di cosa si tratta potuto riflettere dal letto. Siamo sicuri che Room 10, proprio come ogni stanza di Pikes – ha avuto la sua giusta dose di scandalo e seduzione nel corso degli anni, e con il suo nuovo look and feel sensuale, prevediamo che ne avrà ancora di più negli anni a venire. Opportunamente, l'ultimo scandalo avvenuto nella Sala 10 prima della sua ristrutturazione è stato causato nientemeno che dall'uomo che ne ha gettato le fondamenta: il nostro caro defunto Tony Pike.

Una notte di fine estate nel 2018, solo pochi giorni prima che l'hotel chiudesse per la stagione, Tony stava cenando nella stanza 39 con Matt Trollope, il ghost writer della sua biografia Mr Pikes: La storia dietro la leggenda di Ibiza. A questo punto, Tony se n'era andato Pikes e nella struttura di residenza assistita a Ibiza dove avrebbe trascorso i suoi ultimi mesi, ma c'era ancora molta vita nel nostro albergatore. In quella particolare notte, era determinato a non tornare ai suoi nuovi scavi. "Se rimani qui Matt, io rimango qui", ha dichiarato, e diligentemente, il nostro F&B manager (e amico di lunga data di Tony) Steve Hughes ha fatto in modo che rimanesse nella stanza 10.

Al servizio funebre di Tony all'inizio di questa stagione, Matt Trollope ha ricordato la storia per il più vicino e il più caro del signor Pike: "Dopo aver cenato, che è stata probabilmente l'ultima cena di Tony a Pikes – Ho aiutato Tony nella sua stanza. Ora, sappiamo tutti che era un po' maldestro verso la fine del suo regno e ho preso una decisione esecutiva per proteggere se stesso (e gli ospiti!) chiudendolo nella sua stanza. L'ho spiegato a Tony e l'ho controllato alcune volte durante la notte: ci siamo seduti e abbiamo bevuto una birra insieme dal minibar e poi l'ho rinchiuso di nuovo.

La storia continua intorno alle 8 del mattino del giorno successivo, mentre Matt era fuori dalla reception. “Stavo pensando di andare a fare colazione e mentre giravo l'angolo, Tony sta scendendo dalla collina! Ho detto "Cosa è successo?" Ha detto: "Sono uscito dalla finestra del bagno". Ho chiesto perché: "Perché mi hai rinchiuso di nuovo, c * nt!" Era estremamente fragile, dopo un ictus poche settimane prima, non ho idea di come abbia trovato la forza di saltare fuori da quella finestra - ma quello era Tony. Ha sempre trovato la forza per reagire ".

Di White Ibiza

Condividi questo articolo facebook Twitter linkedin
Chiudi modale